I dati dell’Onu sul traffico di esseri umani

Il traffico di esseri umani coinvolge oltre 150 paesi di origine e 124 di destinazione. I dati arrivano dall’ultimo Rapporto globale sulla tratta di persone dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine (UNODC).

LE ROTTE DEL TRAFFICO DI ESSERI UMANI

La maggior parte dei percorsi avviene all’interno della stessa area geografica: si parte dal paese più povero per arrivare a quello più ricco. Le rotte che toccano più aree geografiche hanno generalmente come destinazione alcuni stati del Medio Oriente, dell’Europa Occidentale e dell’America del Nord.

TRATTA DI ESSERI UMANI, DONNE E BAMBINI LE VITTIME PREFERITE

Il dramma del trafficking riguarda soprattutto le donne in età adulta (il 49% del totale). Campanello d’allarme anche per quanto riguarda i bambini, che rappresentano il 33% delle vittime di tratta, con un innalzamento di cinque punti percentuali rispetto all’ultimo rapporto dell’Onu.

ESISTONO PENE PER LA TRATTA DI ESSERI UMANI?

Un’altra questione messa in luce dal Rapporto dell’UNODC riguarda le fattispecie di punibilità riguardanti la tratta di esseri umani. Al 2014, oltre il 90% dei paesi prevedono nella propria legislazione la responsabilità penale per questo tipo di condotta. Resta, tuttavia, ancora molto da fare. Nove stati, infatti, mancano completamente di una normativa, mentre la legislazione di 18 nazioni copre solo certe tipologie di vittime o forme di sfruttamento.

Share this post

call-to-action-infografica-migranti-e-rifugiati-2017